stemma della regione
      Regione Piemonte
Accedi ai servizi
Utenti con dislessia
logo del comune
Comune di Verzuolo
Stai navigando in : Le News
1° MAGGIO: LE RIFLESSIONI DELLA MAGGIORANZA E DELLA MINORANZA

Mar 28 Apr 2020

Riflessione della maggioranza consigliare «Panero x Verzuolo bene comune»
1° MAGGIO: FESTA DEL LAVORO, MA QUEST’ANNO SARÀ FESTA?

Quello che il Paese sta per celebrare è una giornata che ha nulla da festeggiare, ma ha tutto da affrontare. Intanto dobbiamo continuare ad avere un rigoroso rispetto delle regole sulla sicurezza. È un appuntamento che ci obbliga a riflettere ed impegnarci per avere il lavoro, perché il lavoro torni a dare libertà dai bisogni. Il 25 aprile abbiamo celebrato "la libertà". Il lavoratore quale persona pienamente riconosciuta. Un lavoro, dunque, che oggi è in profonda crisi.

Si è fermata l’attività. Le imprese di interi settori sono in grande sofferenza. A noi compete impegnarci per contribuire a superare la crisi sanitaria. Un piccolo, significativo contributo lo puó offrire la "Casa della Salute" per portare la medicina nel territorio con investimenti adeguati e con una rete territoriale che funzioni, superando così la scelta troppo ospedale-centrica.

Anche lo stato sociale con meno assistenzialismo e più azione attiva e partecipativa, sarà maggiormente territorializzato con attenzione alla fascia più ampia, grazie al rafforzamento delle difese per gli anziani (casa di riposo) e per i poveri, che sono le prime vittime del virus e migliori servizi a tutte le persone. In questo campo occorre sostenere e valorizzare la sussidiarietà del terzo settore e del volontariato.

Dopo l’emergenza ci sarà la fase della ripresa. Una fase che modificherà in profondità la società con contesti economico-sociali profondamente cambiati.

Dobbiamo iniziare a ragionare come vorremmo il nostro territorio. La visione dovrà essere ampia e lunga. La visione ampia a livello di zona per ottenere adeguate infrastrutture materiali: trasporti adeguati al dopo virus, viabilità, ferrovia, biodiversità con filiere corte.

Penso all’agricoltura con la rivalutazione dell’agroindustria e la distribuzione; la nuova forza lavoro e, quindi, le condizioni contrattuali e abitative per gli stagionali del settore frutta.

Cambierà il modo di produrre nelle imprese di tutti i settori con la prima e fondamentale gestione della sicurezza e dell’alta prevenzione, sia con le nuove forme di lavoro (lavoro agile e con i turni che a Verzuolo sono storia) sia infine con la tecnologia. Conseguentemente cambierà il mercato del lavoro. Attenzione particolare, quindi, ai giovani, la categoria più a rischio. Pertanto fondamentale sono la scuola e la formazione, quali importanti volani dello sviluppo sociale.

La nuova scuola, anche con lezioni online e supporto digitale, che valorizzi peró il rapporto interpersonale del docente con l’allievo. Si dovrà alzare il livello tecnologico ed organizzativo con più diplomati e molti più laureati per contribuire così a dare forma alla futura Verzuolo. Ecco la visione lunga.

A tal proposito è necessario far recuperare l’assenza delle scuole paritarie (Asilo Keller) nel decreto "Cura Italia" e, in questa fase e fino a settembre, far prevedere soluzioni per l’assistenza dei bambini.

Così con l’anno scolastico che inizierà a settembre, nel rispetto della sicurezza, si realizzerà la vera solida ripartenza. Per sostenere le imprese, in particolare quelle medio-piccole che sono fondamentali per ridare lavoro, quindi reddito, sono necessari seri stimoli fiscali perché possano realizzare gli investimenti.

L’economia circolare sarà il punto di forza perché crea valore, ricchezza sociale ed ambientale. L’esempio è la Burgo, peró con la soluzione al trasporto. Proprio pochi giorni fa, il 22 aprile scorso, abbiamo celebrato la "Giornata mondiale ONU della Madre Terra". E non possiamo dimenticare che lo scorso 26 aprile sono stati 34 anni della "nube tossica radioattiva di Chernobyl". La grande sfida sarà trovare il punto di equilibrio innovativo tra lavoro, ambiente e salute per lo sviluppo sostenibile.

Ecco confermata la nostra scelta, il nostro "verde giorno" che investe, e non è un costo, nella protezione ambientale, nelle energie rinnovabili e nel risparmio energetico. Così continuerà essere una concreta nostra risposta ai "venerdì del futuro (24 aprile)". Contribuire anche noi alla prevenzione della nuova epidemia grazie alla riduzione dell’inquinamento da particolato atmosferico.

Siamo così consapevoli che sosteniamo un nuovo modello sociale ed economico.

Come organizzare il tutto?

Intanto con il coinvolgimento delle rappresentanze, quali corpi intermedi e quale luogo di dialogo, confronto costruttivo per la ripresa.

Importante è il ridisegno dello Stato, più vicino ai cittadini, meno burocratico e con la realizzazione della piena autonomia locale, anche grazie ad un fondo di compensazione delle minori entrate, causa la crisi e la possibilità dell’utilizzo dell’avanzo del bilancio 2019.

Al Comune servono risorse, oltre gli anticipi trasferiti dal Governo per l’assistenza alimentare ed eventualmente per il reddito di emergenza.

Servono risorse per garantire l’erogazione dei servizi pubblici e gli investimenti nelle opere pubbliche con codice degli appalti più agile, come anche chiesto dall’Anci.

Dunque il 1° maggio è l’occasione per costruire la nostra "vera comunità" che ha identità nel quadro ampio della condivisione.

Per la maggioranza in Consiglio, Il Sindaco GianCarlo Panero

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Riflessione della minoranza consigliare «Verzuolo per tutti»
1° MAGGIO: COSTRUIRE SPERANZA

Non sarà il clima di festa a caratterizzare questo 1° Maggio

Tanta è la preoccupazione per il futuro incerto e difficile che abbiamo davanti.

È vero peró che il I° maggio è diventato Festa perché i lavoratori hanno saputo conquistare diritti e dignità con sacrifici, lotta e speranza per un futuro migliore, libero da sfruttamento e ingiustizia purtroppo ancora presenti in tutto il mondo.

È proprio la speranza che oggi va difesa e coltivata a tutti i livelli per uscire dall’emergenza sanitaria, sociale ed economica che il Covid 19 ha generato. Tracciare una nuova rotta spetta alle Istituzioni internazionali, ai Governi nazionali ed ai singoli Comuni.

Verzuolo deve fare la sua parte in questo momento difficile per tutto il Paese per trovare risposte e soluzioni concrete nella realtà locale. Questo lo deve fare con la revisione del Documento Unico di Programmazione approvato nell’ultimo Consiglio comunale ma che tutti hanno ritenuto ormai inadeguato. Andranno individuate proposte nuove e adeguate risorse per le politiche di sviluppo di agricoltura, commercio, artigianato, turismo che nell’attuale DUP sono praticamente assenti. Andranno potenziate le politiche sociali, culturali e giovanili, per rispondere alle difficoltà presenti nella nostra comunità cittadina, ma anche per uscire dal clima di isolamento che si è creato. Sicuramente bisognerà rivedere gli aumenti delle tasse comunali, devastanti per i cittadini e ancor di più per le imprese.

Il Consiglio Comunale di Verzuolo deve assumere in modo risoluto il compito di programmazione che gli è proprio, con il coordinamento del Sindaco e il pieno coinvolgimento delle Commissioni comunali.

Ormai è già passato quasi un mese, il 30 giugno è vicino e bisogna partire. I consiglieri comunali tutti, i membri delle commissioni, i tecnici del Comune sono pronti a dare il proprio contributo. Il Sindaco fissi il calendario di lavoro e sarà comunque un buon primo maggio

Buona festa dei lavoratori a tutti e grazie a chi ha lavorato senza sosta in questi giorni difficili.

Gruppo consigliare «Verzuolo per tutti»

Comune di Verzuolo - Piazza Martiri della Libertà, 1 - 12039 Verzuolo (CN)
  Tel: 0175.25.51.11   Fax: 0175.25.51.19
  Codice Fiscale: 85000850041   Partita IVA: 00308170042
  P.E.C.: verzuolo@cert.ruparpiemonte.it   Email: protocollo@comune.verzuolo.cn.it
Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.Maggiori informazioni.